Paradigma

Paolo Pellegrini partendo dagli studi di alcune personalità, come gli economisti Rosabeth Kanter, Richard H. Thaler, Carlo M. Cipolla e come gli psicologi Robert F. Bales, Wilfred R. Bion, approda a sintesi originali centrate sullo sviluppo della Persona e delle Organizzazioni.


Sviluppa il tuo potenziale



• sviluppa la capacità di costruire buone relazioni tra persone e tra associazioni di idee, comprendendo e fotografando la realtà, ma sopratutto diagnosticando gli interlocoturi
• rinforza le tecniche per gestire il gruppo, vari gruppi.


il futuro è difficile prevederlo ma possiamo essere in grado di fare progetti, attingendo ai nostri desideri reconditi come anche ad una rivisitazione delle competenze. Per entrare nella logica della progettazione continua e’ importante manutenere l’autostima e la motivazione, indebolendo intorno a noi i produttori di scarsità, rappresentati spesso da ideologie, burocrazie, clan, dittature digitali, mantra comunicativi privi di contenuti.
Per creare è opportuno allontanare il più possibile la cultura del malessere e portare avanti invece una cultura basata sulla bellezza, intendendo con cio’ non solo cose ma anche belle relazioni.


Crea Bellezza intorno a te

La creazione della bellezza si basa anche sull’allenamento delle percezioni ovvero sull’imparare ad osservare cose e realtà e poi legare ad esse l’immaginazione e la propria struttura profonda; questo meccanismo facilita l’allenamento a formare una mentalità estetica, sempre più necessaria per aumentare la qualità della vita.


L’oggi (P.Pellegrini)


Per orientarsi nei fenomeni complessi della trasformazione continua della realtà occorre saper disegnare scenari che colleghino il presente con il passato e con il futuro. Significa sapersi orientare in un mondo che non è solo lavorativo, ma che fa parte della rivoluzione digitale in atto, ed anche di contesti geopolitici sempre più complessi, in cui la rapidità dei cambiamenti rende obsolete molte metodiche ed insufficienti alcune preparazioni professionali. Di conseguenza riuscire a valutare con nuovi metodi sia il proprio potenziale individuale, sia quello dei gruppi di lavoro, risulta un’azione strategica utile per situare il presente in una prospettiva di più lungo periodo, dando spessore e continuità all’integrazione delle competenze tangibili e intangibili. Ciò contribuirà a favorire la crescente domanda di previsioni sul futuro e non solo a breve termine.


Biologia vs. l’azienda (P.Pellegrini)


Le cellule viste al microscopio spesso appaiono come un aggregato disordinato, ma è dall’osservazione del disordine che si ricavano dati leggibili. Spesso sono interazioni cellulari impreviste ovvero “gli errori”, che possono determinare grandi scoperte (es. la penicillina) o evidenziare rotture strutturali profonde (es. patologie autoimmuni). Viene da osservare quindi, che ogni sistema vivente ed ogni persona, hanno bisogno di leggere in profondità sia la propria struttura profonda sia quella dell’ambiente circostante (lavorativo e non) per circoscrivere o evitare problematiche complesse. Saper leggere gli eventi ovvero disporre di strumenti scientifici di analisi può contribuire a fortificare sempre le basi aziendali ed i valori delle Persone.


Il ‘Consulente di Sintesi‘ (W.Bion)


E’ una figura in grado sia di compattare i dati dispersi, collegarli, storicizzarli, sia attraverso il recupero della cultura umanistica e dei valori connessi, sia di utilizzazione le tecnologie digitali.
I processi di scientificità non vengano mai abbandonati in presenza di eventi solo apparentemente incontrollabili: il consulente di sintesi ci dimostra e ci abitua a trarre un vantaggio competitivo dalla lettura sintetica della complessità.


Strumenti di misura ed analisi psico-organizzativi (R.Bales- M.Poumadère- C.Mays)

Rappresentano un metodo scientifico di decodifica della realtà.Si tratta di leggere le percezioni e le “scale valoriali” nascoste, sia della singola persona che di un gruppo all’interno di un contesto organizzativo. La metodica rappresenta uno strumento di indagine veritiero all’80% utilizzabile per: assessment complessi-change management- analisi delle capacità decisionali-elaborazione di scenari- audit in ambito security-contrazione dei costi tangibili ed intangibili-

  • …….inoltre “misurare” significa:
  • decodificare i comportamenti aziendali inappropriati
  • analizzare i ‘rischi tecnologici ed umani’ ( in ambito safety & security)
  • fotografare con precisione la realtà al fine di assumere decisioni efficaci (riducendo gli ‘scarti’ fra l’esistente e ciò che si auspica)
  • delineare il “come” raggiungere gli obiettivi ovvero la/le strada/e più efficaci
  • disporre di riscontri sull’efficacia delle strategie in atto



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: